Azienda sarda emette primo Pecorino bond

Per la prima volta un'azienda privata sarda - la Cooperatori Allevatori (Cao) di Oristano - emette un mini bond. Si tratta del "Pecorino bond", innovativo strumento finanziario messo a punto dalla Regione insieme alla Sfirs per sostenere il settore lattiero-caseario. Il bond è suddiviso in due tranche, la prima da 1 milione e 125mila euro, la seconda da 625mila, per un totale di 1 milione e 750mila euro, entrambe sottoscritte da fondi e investitori esterni privati. Il 20% delle quote è invece sottoscritta dalla Regione per tramite della Sfirs. L'operazione - nata dall'accordo tra Regione, Consorzio di tutela del Pecorino Romano Dop, Abi Sardegna per le attività di costituzione in pegno del Pecorino, e operatori nel settore degli investimenti - è stata presentata due anni fa all'Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (Cuneo) dall'assessore alla Programmazione, Raffaele Paci, a una platea di investitori nazionali e internazionali. A garantire l'emissione c'è il pegno rotativo sul prodotto e Confidi Sardegna. "Questa operazione - spiega Paci - insieme agli altri strumenti messi a punto per irrobustire la filiera, ha un obiettivo ambizioso: stabilizzare e dare sicurezza a un settore che è strategico per l'economia della nostra regione ma che è periodicamente in difficoltà a causa delle oscillazioni del prezzo". "E' importante evidenziare come questi strumenti finanziari, oltre ad essere di aiuto al mercato, rappresentano una rilevante novità -, sottolinea il presidente della Sfirs Paolo Sestu -. Abbiamo iniziato dal lattiero-caseario e, sulla base di questa sperimentazione, abbiamo in programma di replicare lo stesso modello anche in altri settori, non solo dell'agroalimentare". (ANSA).

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Sardegna News

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Perdaxius

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...